Giovanni Medda (Fra Nicola da Gesturi) presenta al Superiore dei Cappuccini di Cagliari la lettera del Parroco di Gesturi e chiede di essere accolto in convento